La modella Emily Ratajkowski per Yamamay
Francesco Alberoni

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Il reggiseno ricamato, le mutandine di pizzo morbido, la   sottoveste, il body, poi il vestito con i tessuti di colori combinati drappeggiato attorno al corpo, la foggia dei capelli e poi il trucco, il rossetto, poi i braccialetti le collane gli anelli, il rossetto, costituiscono “l'alta uniforme” della donna, la cui cerimonia di “vestizione! richiede ore ed ore di preparazione. E che l’uomo scompagina in un attimo per tirarne fuori il corpo nudo che ci sta dentro, un capolavoro di abbigliamento, trucco e parrucco, un prodigio di cosmesi tanto più prezioso quanto più complesso, difficile, ricercato, costoso che viene offerto all'uomo perché lui lo distrugga come in un potlatch. E questa la vera “deflorazione” che la donna subisce ogni volta che si dà all'uomo che le piace, la verginità che ogni donna offre ogni volta al suo amante e che costituisce la vera misura del suo amore per quell'uomo o, perlomeno, del valore che gli attribuisce.

L’ultima barriera, l’ultimo vestito da sera elegante che la donna conserva prima di restare nuda è l’intimo. E l’ultimo momento della deflorazione. Ma poi, dopo la deflorazione la donna non resta nuda, non gira nuda per casa con l'uomo che ama, le sembra di non avere nulla da offrirgli. Mette una vestaglia il più possibile elegante. Quando si riveste pensa di farlo per sé stessa, deve tornare vergine, cioè vestita, in realtà lo fa, sia pure inconsciamente, per far ripartire il corteggiamento. L’abbigliamento del “prima” e del “dopo” sono perciò profondamente ispirate da emozioni e fantasie diverse.

Scopri tutti i numeri di L'amore e gli Amori

Articoli che potrebbero interessarti

Lui non mi accarezza più

L’amore non è fatto solo di parole e l’erotismo solo di penetrazione. Sia l’uno che l’altro hanno mille forme   che gli amanti conoscono o a volte dimenticano.

I cocci dell’amore

Sino a qualche generazione fa la ragazza che si innamorava era travolta dall’opposizione tra desiderio e proibizione: doveva tenere il ragazzo lontano sino a che lui non mostrasse una seria intenzione. Senza quella niente era possibile.

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl – Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi