Si può dare ordini al cuore utilizzando solo la ragione? Non è forse il desiderio segreto di tante madri che vorrebbero che i figli e le figlie trovassero partner affidabili e benestanti, anziché fare di testa loro? E forse è anche il desiderio di tanti, sopraffatti da amori che essi stessi reputano irragionevoli ma a cui non possono sottrarsi.

Il libro "Ragione e Sentimento", uno dei capolavori di Jane Austen, mette in rilievo due elementi che spesso sembrano stridere tra loro, quando si parla d’amore. Razionalità – intesa come buon senso -, e cuore – nel senso di passione esuberante. La scrittrice incarna queste due caratteristiche nei due personaggi principali.

Elinor, la maggiore, è equilibrata, ponderata nei comportamenti e nella buone maniere, Marianne, di due anni più giovane, è sentimentale, esuberante, un po’ scriteriata e crede che l’amore viva solo in gesti eclatanti di romanticismo e seduzione.

Corteggiata da un gentiluomo serioso e un po’ più grande di lei – ha ben trentacinque anni! -, il Colonello Brandon, Marianne lo dileggia con sua sorella, scoprendo che per il freddo indossa un panciotto di lana. Si innamora follemente, invece, di Willoughby un giovane bellissimo e frivolo, che la soccorre dopo una caduta e la porta a casa in braccio, come un antico cavaliere, riempiendola di lusinghe e di slanci passionali. Peccato che la ragazza si illuda e che il principe azzurro, superficiale e dedito alla bella vita, si sposi con un’altra donna molto benestante, riducendola quasi in fin di vita per il dolore.

A sua volta Elinor, che prova sentimenti per Edward, un giovane indeciso già precedentemente promesso a un’altra e per questo vincolato dall’onore, sopporta con stoicismo i preparativi del matrimonio del suo amato senza palesare nulla, nemmeno ai suoi cari, decisa a che il cuore non abbia il sopravvento e che la dignità e il giudizio prevalgano.

È evidente che questo romanzo di età vittoriana inneggi al contenimento delle espressioni esteriori dell’amore, ritenute all’epoca disdicevoli. Per alcuni critici, inoltre, "Ragione e Sentimento" è un elogio, da parte della Austen, dei matrimoni progettati con il buon senso, ovvero tenendo conto delle qualità morali e sociali dei coniugi, a prescindere dalle passioni. E che quindi, in sintesi, il romanzo insegni che al cuore si può comandare.

Alla fine, Marianne accetta di sposare il Colonnello Brandon, uomo generoso e anche benestante e per una serie di fortunate circostanze, l’esitante Edward, pur dopo un rovescio di fortuna, viene sciolto dalla promessa e sposa la paziente e ragionevole Elinor.

Tuttavia è evidente che Marianne si innamori veramente del Colonello Brandon, e che quindi la sua sia una scelta di cuore.  Brandon ha continuato ad amarla in silenzio, ha provveduto alla sua famiglia, l’ha vista malata e sofferente, meno bella di prima, e ugualmente il suo amore è rimasto intatto, se non accresciuto. Marianne dopo il matrimonio è radiosa, più di quanto era mai stata prima. Si scopre felice di far felice il suo Colonnello, mentre lui, rinato, ritrova verve giovanile e sorriso. C’è voluto del tempo, ma pian piano è nata un’affinità forte e sincera.

Entrambi hanno sofferto per amore: Brandon in gioventù, Marianne per la recente scottatura. La giovane, uno dei personaggi più riusciti della Austen, è cambiata profondamente dall’inizio del romanzo, ora ha chiuso con il passato e con la passata infatuazione: è alla ricerca di una nuova se stessa. E’ entrata in quello stato nascente che le permette di accorgersi finalmente del gentiluomo che le è sempre stato accanto: e di colpo ha piena consapevolezza del suo nuovo interesse per lui. La verità nel porsi l’uno all’altra ne cementa l’unione e il loro patto di rendere la loro vita reciprocamente piacevole la rende una coppia molto riuscita.

Dal libro è stato tratto un film di successo con Emma Thompson, Kate Winslet, Hugh Grant e Alan Rickman, attori talmente adatti ai loro rispettivi ruoli, che non è nemmeno necessario indicare i loro personaggi.

Articoli simili

All articles loaded
No more articles to load

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi