Francesco Alberoni

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Noi tutti esseri umani, femmine e maschi, abbiamo bisogno di amare e di essere amati e perciò di dedicarci a qualcun altro, a qualcosa d’altro. Non possiamo prendere noi stessi come oggetto d’amore, di interesse, di cura. Abbiamo bisogno di dedicarci a una moglie, a un marito, a un figlio, a un amante, oppure a una impresa, a un partito, magari anche soltanto a un animale. Comunque a qualcosa di esterno a noi, che però non sia la nostra singola persona. La verità semplice ed evidente è che noi siamo degli esseri irreparabilmente morali. Questo non vuol dire che siamo buoni, ma solo che quello che facciamo soltanto per noi, esclusivamente per noi, non ha valore e ci lascia intimamente insoddisfatti. Ciò che facciamo solo per noi, non riesce a raggiungere lo statuto di Valore.

L’amore e sempre intriso di moralità di doveri. Voler bene vuol dire volere il bene dell’altro, vederlo felice Una delle prime fondamentali esperienze dell’innamoramento è il dovere di fare di tutto per il nostro amato. Un dovere che non è sentito come obbligo costrizione e imposizione perché non ci viene dall’esterno ma dall’interno come espressione dell’amore, un dovere che è ad un tempo piacere, necessità logica. Un enigramma di dedizione e di cura verso il maschio o la femmina con cui abbiamo rapporti emotivi e sessuali che si è sviluppato nel corso delle centinaia di migliaia di anni della nostra evoluzione e che si è affermato perché ha assicurato la sopravvivenza e la riproduzione di chi ne era in possesso. Questo tipo di coppia in cui l’amore diventa dovere è ancor oggi il paradigma etico a cui possiamo appoggiarci.

E nello stesso modo nel corso dell’evoluzione abbiamo costruito il nostro cervello impregnandolo di dedizione, di cura verso i bambini, di capacità di collaborare con gli altri, di perseguire un'opera collettiva, di mantenere la parola data, di non rubare, di non mentire, di non uccidere il compagno, di aiutare i malati. i deboli. i sofferenti. Nel corso di queste centinaia di migliaia di anni il nostro cervello è cresciuto e si è modellato come cervello morale. I principi della morale universale sono gli stessi in tutti i popoli e in tutte le culture perché sono scritti nei nostri circuiti cerebrali più stabili.

Scopri tutti i numeri di L'amore e gli Amori

Articoli che potrebbero interessarti

Gelosia nell’infatuazione competitiva

Il protagonista de L’innocente di D’Annunzio ha una moglie (e un’amante di cui è pazzamente innamorato) e lo dice anche alla moglie chiedendo il suo aiuto e la sua comprensione. La donna tace, impotente…

Quando la donna ama

Uomini siate sempre gentili tutta la vita con una donna che vi ha dato il suo amore. Anche se è finito, anche se siete ormai

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl – Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi