Fino a pochi decenni fa, la vita era simile a un viaggio in treno dove i passeggeri acquistano il biglietto con un orario e una meta precisa e, una volta saliti, seguivano l’itinerario previsto alla partenza, stazione dopo stazione.

Anche la vita nell’occidente degli ultimi secoli è stata un percorso a tappe.

Queste tappe erano l’innamoramento, cui seguiva il fidanzamento, la ricerca e l’arredamento della casa, immaginata come il nido per tutta la vita, il matrimonio indissolubile, il viaggio di nozze e la convivenza, la nascita dei figli che sanciva l’inizio di un ménage familiare e poi la loro partenza da casa, il ritorno alla vita di coppia finché entrambi i due coniugi era in vita.

Invece, oggi, in Italia come nel mondo occidentale, la vita assomiglia più a un viaggio in auto, dove non siamo costretti ad avere un orario preciso di partenza, dove conduciamo un percorso autonomo, dove non ci sono tappe prestabilite ma possiamo prefiggerci una meta e poi una volta scelta, cambiare la direzione in ogni momento e raggiungerne un’altra o tornare indietro. Iniziare per esempio ad avere figli e decidere solo in seguito di sposarci.  O rimanere genitori single. Sposarsi e poi ritornare single, spesso tornando nella casa paterna e riiniziare il percorso con o senza figli. Oppure, non prendere l’autostrada dove uscire a caselli precisi, ma indugiare nelle vie secondarie: tante storie nessuna stabile, sistemazioni provvisorie, cambi di lavoro e città.

Che cosa ne deriva? Che se il percorso in auto ci libera dalle imposizioni sociali e ci permette una vita autonoma e dinamica, dall’altro lato, il mettersi in gioco di continuo e l’incertezza del futuro che pesa sulle nostre scelte ci crea stress e ansia. Pochi tuttavia, forse nessuno, sarebbe disposto a riprendere il treno.

Il vero problema, invece, nasce in quei giovani immigrati provenienti da società dove ancora la vita è un percorso in treno.  Fin dalla loro nascita i genitori gli hanno acquistato un biglietto per lo stesso itinerario che da secoli le loro famiglie percorrono. Ma il sogno dei figli, una volta arrivati in occidente, è spesso quello di scendere dal treno e continuare il percorso in auto.  Inizia così nelle loro famiglie lo stesso conflitto che negli Anni ’60 c’era nelle nostre e probabilmente ancora una volta saranno i giovani a uscirne vittoriosi come è avvenuto per noi.

Articoli simili

All articles loaded
No more articles to load

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi