Un fotogramma del film "Lezioni di piano", di Jane Campion con Harvey Keitel e Holly Hunter

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Anche i processi di attrazione amorosa sono dominati e anzi governati dal collettivo. In adolescenza il ragazzo vede le ragazze che appaiono più belle, non necessariamente lo sono, ma sono in sintonia con il collettivo, incarnano il tipo ideale della sua specifica epoca, sanno come valorizzarsi, hanno i mezzi per farlo o riescono a procurarseli, oppure incarnano un modello di bellezza femminile universale.  Liv Ullmann racconta nella sua narrazione autobiografica Cambiare, che a 15 anni non era ancora sviluppata e non aveva seno per cui non aderiva ai canoni – vergognandosi come una ladra si imbottiva il reggipetto e fingeva di avere il mestruo. Perchè aveva questo vissuto di esclusione? Perchè era l'unica, era diversa dalle altre.
Il ragazzo desidera quello che desiderano tutti. Se avrà la più bella, la più desiderata, anche il suo valore aumenterà. Analogamente le ragazze sono attratte dai ragazzi che si distinguono, perché sono atletici, capaci, vigorosi, oppure benestanti, raffinati, colti. E i meccanismi di attrazione basati sul collettivo continuano anche dopo, da adulti. È quasi sempre il collettivo a indicarci il nostro oggetto d’attrazione a stabilire il nostro valore. Ottenendo il ragazzo più in vista il suo valore, il suo rango erotico, aumenterà.

Anche se l’innamoramento avviene  fra persone della stessa lingua, della stessa cultura  si presenta sempre come una rottura radicale con il conformismo collettivo. I due innamorati si percepiscono diversi e sono diversi, unici non paragonabili a nessun altro. Quella persona è atopos, come scriveva Barthes, unica, insostituibile, diversa da tutti. Vedo in lei qualcosa che sfugge al pensiero corrente vedo il potenziale, vedo la sua anima candida, la sua forza, il suo erotismo, la sua bellezza. I suoi valori intellettuali o morali. E percepisco il nostro compito come superiore: è per me superiore alle norme collettive.

Nel pensiero corrente noi spesso confondiamo il vero innamoramento con il conformismo alle norme sociali. Il più ricco che sceglie la donna più bella e desiderata, il timido o l’insicuro che sceglie invece l’esclusa, sono conformisti. I primi due fanno una un’alleanza di potere che aumenta il loro valore sociale gli altri due una alleanza per sostenersi, una relazione non di amore, ma di appoggio; Nel primo caso tutto funzionerà finche funzionerà il successo mondano della coppia, se uno supera l’altro entreranno in competizione, se uno fallisce l’altro lo abbandona. Quando nella coppia di appoggio, uno o entrambi smettono di sostenersi, la relazione finisce.

Perché tutto ciò che nasce dall’utile è sottoposto alle leggi dell’utile.

Ma è diverso l’innamoramento che unisce, non due risorse attuali, ma due potenzialità non ancora visibili,  crea un incontro improbabile che li porta a scontrarsi  con il vecchio, vince le sfide dell’utile e genera il nuovo.

Il film Lezioni di piano racconta la storia di una donna muta e incompresa alla quale  viene sottratta l’unica forma di espressione che è suonare il pianoforte. A rispondere alla richiesta muta di Ada non è un intenditore di musica, un uomo colto, raffinato di classe media, ma un uomo rozzo, tollerato nella comunità neozelandese perché conosce la lingua dei Maori e fa da tramite permettendo i commerci tra loro e i bianchi. Ma è fuori da entrambi i mondi. Solo lui che sta al limite, il diverso, può capire ciò che sta al limite "la diversa".
Quel suo essere tra due mondi gli dà la libertà di rispondere a una domanda che nessuno vuole soddisfare considerandola un capriccio o un segno di alterigia. Nella piccola comunità passare il tempo a suonare non è un valore, ma una perdita di tempo. Così comprerà il piano per lei e lo porterà in casa sua, obbligandola ad andare da lui a suonare e a dargli, in cambio,  lezioni di pianoforte. Non fa questo, inizialmente, per generosità e amore per la musica, ma perchè la donna lo attrae sessualmente; in seguito, si accorgerà che questa donna ha  un valore superiore e se ne innamorerà.

L’innamoramento non si esprime solo in un vortice sessuale ma in un cambiamento e in una fusione più profonda: per lei sarà disposto a lasciare tutto, a pagare tutti i prezzi necessari per darle la vita dignitosa e il riconoscimento che in quanto persona di valore lui sa che deve esserle dato. Sente acutamente, come se le avesse vissute in prima persona, tutte le umiliazioni che la mediocre collettività le aveva inferto. Essi  lasciano i loro mondi per rifarne uno nuovo. Due marginali daranno origine a una nuova comunità con valori più nobili, più elevati.

 

Scopri tutti i numeri di L'amore e gli Amori

Articoli che potrebbero interessarti

Cosa vuol dire gelosia

Spesso l’etimologia ci dice molte cose sul significato e sull’origine dei nomi. La parola gelosia nelle lingue neolatine e anche nell’inglese jealousy ha radici nell’antica Grecia e nell’aggettivo ζῆλος  (Zelos)…

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl – Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi