Cristina Cattaneo Beretta

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Ogni scelta è per sempre, proprio perché siamo usciti dal tempo delle attese, delle speranze, dei sogni, dei desideri. Ora abbiamo in mano una bacchetta quasi magica. È il momento di mettere nuove fondamenta, di eliminare quello che c’era prima.

Accade una cosa simile nel progetto di costruzione di una casa, nel quale dobbiamo avere una chiara idea delle nostre esigenze, dei nostri bisogni e prevederli nel progetto. Ma non siamo soli, una casa non si costruisce nel nulla ma troveremo regole, paletti e dovremmo tenerne conto. Essendo un momento in cui stiamo costruendo le fondamenta del nostro futuro, è molto facile fare errori. Per mancanza di conoscenza, per disattenzione, per paura. Taluni errori sono dovuti al tentativo di cui talvolta non siamo coscienti, di costruire la nuova casa avendo in mente la vecchia. È, in altre parole, il fantasma del passato. Altri errori sono dovuti all'inesperienza. Spinti dal cuore infatti e dall'entusiasmo possiamo inciampare proprio dove non vorremmo e come il goffo pasticcione rovinare il prezioso dono che abbiamo in mano.

Per esempio, entrando nel mondo del nostro amato, i suoi amici, conoscenti, familiari, possiamo, presi dall’entusiasmo e dalla gioia, compiere passi falsi. Spinti dal giusto bisogno di dire sempre la verità, possiamo dire qualcosa sui cui sarebbe meglio tacere.  Errori che potrebbero apparire insignificanti in altri momenti della vita, ora sono irreversibili. Per questo l’amore è anche una strada impervia.

Non per questioni morali, ma perché la proprietà dello stato nascente, che non è solo dell’amore ma di ogni fase creativa, ogni gesto ha in sé il tutto. Lo scienziato che sta facendo una scoperta cui si dedica da anni, può compiere un piccolo errore che lo fuorvia dalla sua meta. L’artista sa che ogni tocco che dà alla sua opera non potrà essere cancellato. Basta un momento di disattenzione che ci porta nello stato d’animo della quotidianità, distratta e pasticciona, a distruggere il nostro progetto:  il mondo nuovo che noi desideriamo con tutto il nostro cuore creare, è così fragile che per un nonnulla ci può sfuggire tra le mani.

Come fare? Non è facile dare risposte a questa domanda. Vi sono cose che possiamo correggere da noi e altre in cui  ci accorgiamo dell’errore, drammaticamente quando è stato commesso. In questi casi, forse è bene dire con umiltà che abbiamo sbagliato per la nostra inesperienza e andare avanti senza lasciar appesantire il nostro cuore.

Articoli che potrebbero interessarti

Un albero pieno di colori

L’innamoramento va scomparendo?

In tutto l’occidente si sta diffondendo una ideologia, secondo cui la sessualità è una fonte di piacere e può essere vissuta con qualsiasi persona.

Una messa in scena di Delitto e castigo

Ti amo, una frase fatale

Dostoevskij, nel passo finale del suo romanzo Delitto e Castigo, racconta quando l’interprete si rende conto di amare la sua compagna.

A cena senza parlare

Maestro e allieva

Il rapporto d’amore tra maestro e allieva, la storia è ricca di queste vicende. Penso allarelazione sbocciata tra Eloisa ed Abelardo.

L'amore e gli amori

Seguici sui social

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl - Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi