Faso, chiattarista degli Elio e le storie tese
Maria Giovanna Farina

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Faso è il chitarrista degli Elio e le Storie Tese, un gruppo musicale di grande successo. La loro proposta è originale e fuori dagli schemi così come lo stile con cui si rapportano al pubblico che ha catturato fin dagli esordi. Il gruppo si scioglierà a giugno dopo l’ultimo concerto a Milano, una storia che finisce… e l’amore di coppia cosa rappresenta per Faso?

Quando ti sei innamorato per la prima volta?
A tredici anni, lei era una ragazzina bellissima che abitava vicino casa mia che però si approfittava della sua bellezza riuscendo a farmi fare di tutto: ero il suo lacchè! Mi prendeva con sguardi e sorrisi che lasciavano immaginare qualcosa che non è mai accaduto…

Quindi un amore frustrato?
Sì e pensa che la cosa mi è stata raccontata da una sua amica, mi disse, guarda che lei fa finta, ti sorride ma non le interessi.

Povero, hai toccato con mano precocemente la furbizia femminile.
Ho sofferto tantissimo ma non ho fatto trapelare nulla. Ho risposto alla sua amica, a me non interessa, invece ero distrutto.

Quando invece ti sei innamorato ed è andata a buon fine?
A quindici anni, era una mia compagna di classe, con lei mi sono fidanzato. Mi sono fatto avanti incerto ma al posto del due di picche ho ottenuto l’asso di bastoni!

Proseguendo il tuo cammino, dimmi quante volte ti sei infatuato ed invece innamorato, perché c’è una bella differenza.
Infatuato, soprattutto in giovane età,  circa… centoquaranta volte! Mi appassionavo, vacanza e ragazza, casa di un mio amico e lì impazzivo per sua sorella. Quello era il tempo in cui andavo fuori di testa spesso; se parliamo di innamorato davvero, allora è successo poche volte. È una sensazione unica, è stare a casa con gli occhi sbarrati pensando a lei, è una droga naturale che ti fa stare bene. Ti nutri di cose meravigliose e pensi, ah mi ha salutato dandomi un bacino, e con ciò diventi una sorta di Schelock Holmes dell’amore: le piaci ma non te lo dice bensì ti manda un segnale criptato. Il tuo cervello riesce a leggere messaggi che in altri momenti non coglierebbe.

Lo stato di coscienza alterato dell’innamoramento come lo valuti?
Lo valuto come energia positiva che nutre, ma mi impressiona osservando gli altri, naturalmente su se stessi non si può valutare, quando diventa rimbecillente. Penso sempre, quando da ragazzo, ad alcuni amici che si innamoravano e non li vedevi più per un anno.

Del resto, gli innamorati vivono il primo periodo in una bolla dove gli altri sono esclusi.
D’accordo, ma in certi casi è troppo forte e forse in quella situazione l’amore non è più energia positiva e per questo fatica a durare.

Ecco, mi hai anticipata: quando dall'innamoramento si passa all'amore, qual è la tua esperienza?
Se l’innamoramento lo posso paragonare ad un’energia atomica, l’amore è energia che cambia, che muta. Mi è capitato di essermi innamorato pazzamente e finalmente conquistare lei e poi purtroppo di pensare, oh mamma mi sono fatto tutto un mondo e poi scopro che non è così, non sono tanto felice.

Il rischio della frustrazione è sempre possibile, ma visto che abbiamo bene distinto infatuazione da innamoramento, quando ti sei innamorato e corrisposto come sei cambiato?
L’amore ti nutre, provi una sensazione di riempimento. È un cibo impalpabile che non mangi e non mastichi, ma ti fa sentire completo. Mi preoccupa però chi si butta nell'amore senza pensare più al resto, come ti ho già detto.

Beh, è normale sta vivendo il momento in cui la copia vuole l’esclusività per cui il mondo non esiste più.
Però quando è così è un’ossessione e dura meno. Penso da sempre che anche nell’amore bisogna mantenere la propria personalità. Se mi innamoro di te e poi mi annullo, è una cosa che non va bene.

Capisco. Quando si è innamorati e poi si ama si è fedeli, sei d’accordo?
Certo, sei in uno stato per cui il tuo cuore e la tua pelle vibra solo per la persona che ami.

In questo momento della tua vita sei innamorato?
Sono sposato da tanti anni, ho un figlio di sedici anni… non ci guardiamo continuamente negli occhi dicendo, ah, sì cara, con gli occhi iniettati di sesso. Le cose col tempo si evolvono.

Però l’amore può durare.
Oh, sì certo!

Scopri tutti i numeri di L'amore e gli Amori

Articoli che potrebbero interessarti

La dichiarazione d’amore

Per carità non fate mai una dichiarazione d’amore ad una donna se non siete sicuri che lei vi ama, non compite l’errore di pensare che una dichiarazione possa suscitare di colpo l’amore nell’altra.

Il bacio di klimt

Riconoscimento

Gli innamorati, hanno l’impressione di essere affini, di comprendersi fin dall’inizio, come se si fossero attesi ed ora si riconoscessero. Questa esperienza è dovuta allo stato nascente.

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl – Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi