Francesco Alberoni

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Per descrivere come si passa dall'innamoramento all'amore stabile non partiamo da  ciò che unisce, ma  da  ciò che divide i due innamorati.

Appena essi incominciano a porsi delle richieste, incominciano a fare un progetto di vita, si accorgono di essere diversi. Alcune di queste differenze sono facilmente superabili grazie alla plasticità, alla adattabilità propria dell’amore nascente. Ma vi sono anche delle differenze  che ho chiamato i "punti di non ritorno", differenze a cui uno dei due non può rinunciare perché, se  lo fa, perde di senso il suo stesso amore. Pensiamo a due persone di  cultura, religione nazionalità diverse. Per molto tempo l’amore nasconde il dissenso, ma  se  scoppia  una guerra  fra i due popoli, i due  amanti  si trovano in fronti avversi e possono arrivare ad odiarsi.

Talvolta il punto di non ritorno è rappresentato dal volere o non volere dei figli. C’è una donna di quaranta anni con due figli che si innamora di un uomo di trenta che  vuol avere dei  figli  suoi. Ma lei questa esperienza l’ha  già provata, sa quante cure, quante sofferenze le è costata; inoltre sa che, durante la gravidanza e nel puerperio, il suo  giovane amante potrebbe allontanarsi da lei. Attraverso l’innamoramento lei vuole tornare a provare quanto provava da adolescente, amare, divertirsi e non ripetere quanto ha  già sperimentato.

Due amanti che hanno idee religiose, politiche, gusti  erotici o estetici diversi sono sempre sul punto di sentirsi estranei, di dubitare del loro amore, della loro intimità, soprattutto quando, sentendosi finalmente liberi di essere  se stessi, non mentono ma si dicono sempre e solo la verità. Si scontrano, discutono, si allontanano. Come si risolve il problema senza arrivare alla rottura o al dominio di uno sull'altro?

Con un accordo razionale fatto subito all'inizio, un accordo vincolante come un giuramento. Ciascuno riconosce il desiderio, il bisogno, dell’altro, lo accetta e prende l’impegno di rispettarlo e lo considera un suo  diritto fondamentale e inalienabile. Ciascuno saprà che l'altro non gli chiederà ciò che lui non può concedere. Quando questo avviene si ha il patto. Questa certezza, trovata nella disperazione, costituisce il punto fermo della fiducia reciproca. E' questo l’atto fondamentale alla base della concezione liberale e democratica della  moderna coppia e che ne fa una istituzione di reciprocità e di convivenza. Nel corso della vita nei periodi di grande cambiamento e di crisi, il patto potrà essere aggiustato e  corretto in modo da raggiungere un nuovo equilibrio.  Temiamo presente che il patto deve essere fatto durante forti emozioni. Perciò  dobbiamo imparare a tenere a freno  gli impulsi incontrollati e a conservare la lucidità e la razionalità che ci consente di darci delle regole che dovremo sempre rispettare.

Articoli che potrebbero interessarti

Eros

Il colpo di fulmine

L’innamoramento è un processo fatto di tante tappe. Chi si innamora si accorge di essere innamorato improvvisamente e ne è sorpreso.

Un albero pieno di colori

L’innamoramento va scomparendo?

In tutto l’occidente si sta diffondendo una ideologia, secondo cui la sessualità è una fonte di piacere e può essere vissuta con qualsiasi persona.

Una messa in scena di Delitto e castigo

Ti amo, una frase fatale

Dostoevskij, nel passo finale del suo romanzo Delitto e Castigo, racconta quando l’interprete si rende conto di amare la sua compagna.

L'amore e gli amori

Seguici sui social

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl - Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi