Il litigio è sempre una manifestazione aggressiva e viene normalmente sottovalutato in amore. Quasi sempre le separazioni ed i divorzi sono preceduti da grandi litigi. I grandi scrittori, i maestri del pensiero, hanno sempre capito il significato vero del litigio.

C'è un libro di Tolstoj, che io consiglio a tutti di leggere, Sonata a Kreutzer, dove vengono riportati i feroci litigi fra il marito Pozdnysev e la moglie. Incominciano a litigare subito durante la luna di miele dove erano attratti sessualmente ma poi non avevano alcuna affinità e intimità culturale e spirituale.

Fin dal primo litigio, sostiene Pozdnysev, lui ha visto negli occhi della donna una gelida e dura ostilità, odio. Da allora, ogni pretesto è buono per litigare, c'è addirittura il gusto del litigio. Dopo ogni litigio ritorna la pace ma in realtà la distanza fra i due coniugi si è aggravata in modo parossistico. È su questo odio che si inserisce la gelosia. Ma è una gelosia falsa, perché Pozfnysev non ama la moglie. Allora fa venire in casa sua un maestro di musica e fa in modo che i due restino soli, li sorprende e simulando la gelosia la uccide. La gelosia è il pretesto per uccidere.

Articoli simili

All articles loaded
No more articles to load

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi