Maria Giovanna Farina

Condividi questo articolo:

Facebook
Twitter
Email
Stampa

Due miei conoscenti si sono improvvisamente innamorati e dopo pochi giorni sono andati a vivere insieme. Li ho rincontrati dopo sei mesi e si erano separati, avevano litigato, ciascuno diceva dell’altro che non era come lo aveva immaginato. Questo amore è finito presto perché e stato interrotto il processo di conoscenza reciproca e di perdono reciproco dello stato nascente. Si piacevano, si sono gettati subito l’uno nelle braccia dell’altra, hanno avuto frenetici rapporti sessuali, sono addirittura andati a vivere subito insieme. I due amanti, tutti presi da questa esperienza meravigliosa, non volevano avere rapporti con la vita quotidiana, con i suoi problemi. Non volevano ricordare il passato. Tutto per essi era buono. Volevano godere solo del nuovo presente, dimenticare ogni ostacolo e ogni fastidio.

Essi hanno assaporato lo stato nascente come liberazione da tutti i vincoli, come impetuoso irrompere di una nuova vita, di un erotismo sovrabbondante, di un mondo che si trasfigura dove diventano più belli i colori, i volti e tutte le cose. È come se si fosse improvvisamente aperta la porta del paradiso terrestre ed essi volessero potersi coricare sui suoi prati senza pensieri, senza domande, senza pensare al passato, senza sapere nulla l’uno dell’altra, senza pensare o progettare il futuro. Si collocano interamente nell'ambito dell’erotico e si proibiscono di parlare e di pensare ad altro.

In questo modo però non hanno messo in moto il processo di conoscenza reciproca e di confronto che consente di far emergere le parti nuove di sé e di abbandonare quelle incompatibili con l’altro. Ciascuno, convinto di essere completamente nuovo, è restato in realtà quello di prima, e la sua plasticità, la sua capacità di cambiare non è stata usata per adattarsi all’amato, per cercare di costruire insieme un progetto di vita.

Questo tipo di amore, che è solo l’inizio dell’innamoramento, essi lo hanno considerato il vero innamoramento. "Sono pazzamente innamorato, sono pazzamente innamorata",  si dicevano e  invece  finita la fase di ebbrezza erotica, nella vita reale e quotidiana hanno scoperto, stupefatti, che fra di loro esistevano delle differenze che non conoscevano. E, poiché non hanno fatto nulla nel momento di maggior plasticità, quando potevano risolverle, ora le contemplano sconvolti e giungono alla conclusione di essersi ingannati. Ciascuno dice che l’altro era diverso da come appariva e lo rimprovera per essere come è.

Articoli che potrebbero interessarti

Un albero pieno di colori

L’innamoramento va scomparendo?

In tutto l’occidente si sta diffondendo una ideologia, secondo cui la sessualità è una fonte di piacere e può essere vissuta con qualsiasi persona.

Macron e moglie

Il caso Macron

Sempre più donne si uniscono a uomini più giovani: pian piano impariamo a comprendere queste scelte, lei più grande di lui, che un tempo ci sembravano troppo azzardate

L'amore e gli amori

Seguici sui social

2017 @ Far Immagine e comunicazione Srl - Tutti i diritti riservati
Registrazione al Tribunale di Milano n. 272 del 29-9-2017

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Cliccando sul bottone ACCETTO dai il tuo consenso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi